lunedì 15 dicembre 2014

I manga che non leggeremo mai in Italia 23 - Shirley di Kaoru Mori



Shirley di Kaoru Mori

Informazioni: Gli episodi contenuti nel primo volume di questa serie (5 capitoli dedicati a Shirley più le due storie brevi "An Afternoon with Nelly and Me" e "Mary Banks") sono stati originariamente pubblicati su delle fanzine, nel periodo 2000-2001. Quindi si tratta in effetti della prima opera edita della Mori, anche se in tankōbon è uscito solamente nel 2003, in seguito alla pubblicazione e al successo del primo volume di Emma. In seguito, l'autrice è tornata più volte a disegnare le avventure della giovane Shirley e a distanza di dieci anni dal primo volume, ne è uscito un secondo, che raccoglie gli episodi più recenti usciti sulla rivista Harta (un tempo nota come Fellows!).

Autrice: Kaoru Mori è sbarcata in Italia nel 2006 con Victorian Romance Emma, di cui la Dynit ha pubblicato i primi sette volumi (omettendo gli ultimi tre) . Nel 2011, per J-Pop arriva la sua opera più recente, ovvero Otoyomegatari (I giorni della sposa), e nel 2012 è la volta di Kaoru Mori Collection - Anything & Something , che raccoglie storie brevi e saggi illustrati. La J-pop , a inizio 2014, ha iniziato a pubblicare la ristampa di Emma, che sarà comprensiva anche degli ultimi tre volumi inediti in Italia. Ad oggi, rimane solo Shirley da pubblicare, e speriamo che questa rubrica porti bene a quest'opera come è già successo per altri titoli!



Trama: La storia (che si ambienta in età edoardiana) si apre con Cranley Bennet, una bella e indipendente signorina di 28 anni (quindi praticamente una zitella) che gestisce la caffetteria Mona Lisa. Tornando a casa dal lavoro incontra una minuta ragazzina seduta sulle scale, che in seguito si presenta come Shirley Madison. La ragazzina si è presentata per un posto da cameriera dopo aver letto l'annuncio che Miss Bennet ha fatto pubblicare sul giornale qualche giorno prima. Miss Bennet è abbastanza angosciata dalla giovane età della ragazzina (che di fatto ha 13 anni), ma poi si rende conto di non aver specificato un limite di età sull'annuncio, quindi - impietosita dal fatto che Shirley sembra non avere ne una casa ne dei parenti in vita-  decide di prenderla in prova. Shirley, nonostante qualche sbadataggine dovuta alla giovane età , si dimostra un' ottima cameriera e cuoca, quindi Miss Bennet la prende con se, e inizia così un' allegra convivenza fra le due. 



Commento di Yue: Il primo volume di quest'opera presenta storie un filino acerbe (lo si nota anche dallo stile della Mori) ma nonostante questo risulta piacevolissimo: è uno slice of life leggero, divertente e grazioso, e le due protagoniste (Miss Bennet e Shirley) sono simpatiche e ben caratterizzate. Si vede subito che è un opera nata come divertissement su una fanzine, dove l'autrice si è sbizzarrita disegnando le cose da lei più amate: abbiamo belle camerierine ed eleganti e amorevoli signore in sottoveste , scene dedicate ai corsetti e a belle bambole di porcellana. Non abbiamo in queste storie la cura per il dettaglio e la coerenza storica presenti in Emma: Miss Bennet è una padrona quantomeno atipica (che nel secondo capitolo regala una bambola costosa alla sua cameriera) e Shirley sembra proprio una giapponesina (fa pure l'inchino alla giapponese per salutare e scusarsi) e soprattutto non sappiamo assolutamente niente del suo passato. Ma nonostante ciò funziona tutto benissimo.
Nel secondo volume le cose cambiano: si vede che sono storie scritte e disegnate recentemente, da un autrice più matura e consapevole delle sue capacità. Le tavole sono più ricche ed elaborate (soprattutto per quanto riguarda l'arredamento, che si fa storicamente più accurato [1]) e lo stile è decisamente più raffinato . Ma grazie al cielo, lo spirito dell'opera rimane lo stesso, ovvero all'insegna della leggerezza : Miss Bennet è sempre la solita donna forte, indipendente e un po' sbadata e Shirley... Beh, rimane la stessa dolce ragazzina, anche se non fa più l'inchino alla giapponese. 
Secondo me quest'opera è una vera è propria valvola di sfogo per la Mori: le viene voglia di disegnare scarpe d'epoca? Facciamoci un capitolo di Shirley! Le viene voglia di disegnare una bella donna che balla? Facciamoci un capitolo di Shirley! E così via. 


Potenzialmente è un opera che potrebbe continuare all'infinito, e sono sicuro che prima o poi arriverà anche un volume 3. Io ve la consiglio caldamente, nella speranza che prima o poi arrivi anche in Italia.


Si trova in lingue comprensibili? : Hai voglia. QUI e QUI.


Note:
[1] Avete notato le differenze fra la copertina del primo volume e quella del secondo? Sembra quasi che la Mori abbia voluto correggere alcuni "errori": Nell'arredamento (che diventa più ricco ed edoardiano) e nella posa di Shirley (nella prima ha una posa tipica da Maid giapponese che sta per fare l'inchino, mentre nella seconda passa ad una posa più naturale per il periodo e il luogo in cui si ambienta la storia).

sabato 6 dicembre 2014

I preferiti di Yue 5: Novembre 2014

Benvenuti al quinto appuntamento (stavolta abbastanza puntuale) con i best of del mese appena trascorso! Come sempre, questa rubrica è condivisa con l'amica di malefatte MariaSte, sul suo blog iononsonoquellaragazza (e ripeto per l'ennesima volta : se qualcuno vuole unirsi è il benvenuto!).


La serie TV: American Horror Story - Freak Show. 
American Horror Story è una delle mie serie tv TOY (Trash Oh Yes) preferite, e questa quarta stagione , fra episodi bellissimi ed episodi brutti da far ridere , la sto seguendo con molta curiosità. L'ultimo episodio visto (l'ottavo) mi ha lasciato abbastanza perplesso, e per l'ennesima volta un' attrice del calibro di Kathy Bates è stata sfruttata malissimo (con un personaggio poco più che insipido), ma nel complesso voglio proprio vedere dove andrà a parare.



Il libro: La valle dell'Eden di John Steinbeck
C'è stato un periodo (all'incirca una quindicina di anni fa) in cui ero completamente rapito dalla grande letteratura americana del 900. Poi, di colpo, il rigetto totale. 
L'uscita della nuova traduzione de La valle dell'Eden ha riacceso una vecchia fiamma, e questa splendida saga familiare mi è piaciuta moltissimo. Ah, John, come ho potuto abbandonarti per tutti questi anni?




Il film: Interstellar di Christopher Nolan
Non sono un fan di Nolan, ma Interstellar mi è piaciuto , e sono un po' stufo di giustificarmi con tutti quelli che l'hanno trovato una ciofeca. Quindi basta, la pianto qui. 



La canzone: Annie Lennox - I put a spell on you



L'oggetto: L'ombrello. Mi sembra inutile spiegare il perché, vero?

Il cibo: I Capricci Triplo Cioccolato . Perché il gelato è buono anche d'inverno! (Inverno...Si fa per dire! U_U)



martedì 25 novembre 2014

I 3 che vi consiglio - Libri illustrati da regalare a Natale.

Natale si avvicina, ed il "panico da regali" è dietro l'angolo. Lo so che in questo momento state pensando: "Ma dai Yue, manca un mese! Abbiamo ancora tempo per pensare ai regali!". Sì, l'impressione è quella, ma com'è che alla fine ci ritroviamo sempre, disperati, a farli all'ultimo minuto? 

Questa volta ho deciso di riesumare questa rubrichetta per consigliarvi tre libri illustrati da me notati recentemente, che oltre ad essere bellissimi sono anche perfetti come idea regalo. 


Il giardino segreto di Frances H. Burnett , illustrato da Vanna Vinci

Uscito per Fabbri nel 2004, è stato recentemente ristampato in una nuova edizione dalla Rizzoli. Entrambe sono disponibili, e costano sui 15 euro. 

Sul libro c'è poco da dire: è uno dei classici per l'infanzia più amati dal sottoscritto. Ci sono misteri, buoni sentimenti, personaggi adorabili (e odiosi) e addirittura un tocco di "gotico" (l'inizio del libro mi ha sempre inquietato tantissimo, anche in età adulta). Questa edizione è accompagnata dalle belle e numerose illustrazioni della Vinci , che impreziosiscono una storia già "preziosa" di suo. Ecco un bell'esempio :

Ora, fra i tre da me consigliati, questo è il libro con il target più basso, ma ad esempio: se lo regalassero a me, alla veneranda età di 30 anni sarei comunque felicissimo! Ci sono tante persone che, come il sottoscritto, nell'infanzia hanno letto pochissimo e che di conseguenza gioiscono anche ad età "mature" nel leggere romanzi per l'infanzia. Quindi agite di conseguenza, e se conoscete qualcuno come me (o magari un* fan di Vanna Vinci) , regalatelo senza troppi problemi! 




Il canto di Natale di Charles Dickens , illustrato da P.J.Lynch.

Uscito un anno fa per Rizzoli BUR, questa edizione illustrata del Canto di Natale è a dir poco sublime. E' sempre disponibile e costa 15 euro (un prezzo quasi ridicolo tenendo conto del fatto che è una bellissima edizione). 

Sul valore dell'opera, anche qui c'è veramente poco da dire: è un racconto immortale; un capolavoro per tutte le età. Ok, io sono un fanboy di Dickens ed è cosa nota, ma il Canto di Natale va letto in tutti i modi, e se alla fine non riesce a commuovervi quasi sicuramente siete dei mostri disumani XD. 
Questa edizione è illustrata splendidamente da P.J.Lynch, illustratore inglese di grandissimo talento e molto amato dal pubblico (e dalla critica). Ecco una delle sue incredibili illustrazioni:

Io non vi dico quante versioni ho di questo libro (non voglio inquietarvi), ma fino a poco tempo fa la mia versione preferita era quella illustrata da Arthur Rackham. Ma dopo averla sfogliata, questa  nuova edizione è salita immediatamente al primo posto. 

A chi regalare un libro del genere? Ma a tutti! La storia è universalmente conosciuta, ma spesso e volentieri questa conoscenza deriva dalle numerosissime versioni animate o a fumetti, oppure dai  numerosi film. Per una volta, leggersi la fonte originale non fa male, anzi!




I racconti del mistero di Edgar Allan Poe, illustrato da Harry Clarke

Uscito da poco nella collana Classici BUR Deluxe, questa splendida edizione illustrata dei racconti del mistero toglie il fiato solo a guardare la copertina . Il prezzo è 16 euro, ma in questo periodo è scontato un po' ovunque. 

I racconti di Poe si trovano un po' in tutte le case, ma un' edizione così bella non si era ancora vista. A dire il vero, non so dirvi con precisione quali racconti sono contenuti in questo libro (il volume viene dato come la traduzione italiana del Tales of the Grotesque and Arabesque) ma sfogliandolo ho notato le illustrazioni di alcune fra le sue storie più significative (Il crollo della casa degli Usher, Il gatto nero, I delitti della Rue Morgue) il che mi fa pensare ad una selezione fatta arbitrariamente. 

Le illustrazioni dell'irlandese Harry Clarke (uno dei più celebri e amati illustratori dell'inizio del novecento) sono bellissime,  inquietanti e ipnotiche. Ecco un esempio:


A chi regalare un volume del genere? A tutti. Molto probabilmente avranno già letto queste storie, ma mai accompagnate da illustrazioni così belle! E poi non fa mai male rileggere Poe, anzi. E' nelle riletture che mi ha dato più soddisfazioni (forse perché è uno dei pochi scrittori che ho letto per la prima volta in tenerissima età, ma che ho apprezzato maggiormente in seguito). 

Concludo con una piccola, patetica riflessione: un tempo l'illustrazione era parte integrante anche dei romanzi per adulti (vedi tutto il periodo dell'ottocento ed i primi anni del novecento) , e mi fa un po' male, adesso, vederla relegata unicamente ai romanzi per ragazzi (quando siamo fortunati, perché sta scomparendo anche qui). Quindi non posso che applaudire ad iniziative come la collana  Classici BUR Deluxe: per ora, oltre al volume di cui sopra, hanno ristampato la Divina Commedia di Dante (con l'Inferno illustrato da Lorenzo Mattotti, il Purgatorio da Milton Glaser e il Paradiso da Moebius), ma se usciranno altri volumi saranno più che benvenuti. 

lunedì 17 novembre 2014

From Lucca with Love: Commentando gli acquisti lucchesi - Parte 3




Si dà il caso che di Fumio Obata

Trama: Yumiko è una giovane designer giapponese che da anni vive a Londra,  dove sta per fare il grande passo con il fidanzato Mark. In seguito all'improvvisa morte del padre sarà costretta a tornare in Giappone , e questo viaggio la porterà a riflettere sulle sue radici e su tutte le idiosincrasie che negli anni di "esilio volontario"ha maturato nei confronti della sua terra natia. 

Commento: E' un volume graficamente straordinario: i disegni di Fumio Obata sono una perfetta fusione fra lo stile orientale e quello occidentale ed è veramente impossibile restare indifferenti difronte a tavole così eleganti e dalla composizione perfetta. Sul fronte per così dire "emotivo" mi ha coinvolto un po' meno: l'elaborazione di un lutto è cosa ardua da raccontare , ed i sentimenti della protagonista, spesso e volentieri mi sono risultati troppo remoti per coinvolgermi completamente; remoti come i misteri del teatro Nō agli occhi di un occidentale. Ma nel complesso rimane un ottimo volume , ed ottima (come al solito) è l'edizione della Bao.




Poco raccomandabile di Chloé Cruchaudet
Trama fornita dalla casa editrice: Prima guerra mondiale: nelle trincee è l’inferno. Il caporale Paul Grappe, per sottrarsi all’incubo, diserta e torna di nascosto a Parigi dalla giovane e amatissima moglie Louise. Costretto alla clandestinità e rinchiuso in una stanza d’albergo per evitare la fucilazione, Paul immagina un piano: si travestirà da donna, per poter vivere alla luce del sole. Così, con la complicità, i trucchi e i vestiti di Louise, Paul assume l’identità di Suzanne. All’inizio è una necessità e sembra quasi un gioco. Ma il travestimento dura anni, anche dopo la fine della guerra, con effetti dirompenti sulla vita della coppia e sull’equilibrio psicologico di Paul. Che di giorno lavora nello stesso laboratorio di sartoria della moglie, ma di notte comincia a frequentare il Bois de Boulogne, teatro di orge, ritrovo di prostitute, libertini e borghesi in cerca del brivido della trasgressione nella Parigi dei folli Anni Venti. Dopo dieci anni arriva l’amnistia per i disertori, ma Paul fatica ad abbandonare i panni dell’affascinante seduttrice Suzanne, mentre l’alcol fa riaffiorare i fantasmi e i traumi della guerra…
Commento: Un volume controverso e affascinante (tratto da una storia vera) , disegnato splendidamente dalla bravissima autrice francese Chloé Cruchaudet [1]. Nel complesso mi è piaciuto, (e on-line ho letto delle recensioni bellissime come quella di Hermes e Hana),  ma a dire il vero ho preferito di gran lunga la prima parte: l'ho trovata più emozionante e coesa rispetta alla seconda, che essendo più carica di avvenimenti risulta un po' frettolosa e superficiale. Qua e là avrei preferito un maggiore scavo psicologico dei personaggi, -soprattutto per quanto riguarda Louise- e gli anni del declino "post-Susanne" potevano essere raccontati un po' meglio. Ma a parte questi piccoli difettucci, rimane un volume più che dignitoso, e superbo graficamente [2], che non mancherà di accontentare anche i palati più fini!


Note:
[1] Che già mi aveva colpito con il volume Groenlandia Manhattan (sempre edito da Coconino), anch'esso tratto da una storia vera. 

[2]Ma cosa non è la scena del ballo fra Paul e Louise ad inizio volume? I disegni danno davvero l'idea del movimento, e si vede che l'autrice ha studiato animazione.

giovedì 13 novembre 2014

I preferiti di Yue 4 : Ottobre 2014

Benvenuti al quarto appuntamento (in ritardissimo!) con i best of del mese! Come sempre, questa rubrica è condivisa con l'amica di malefatte MariaSte, sul suo blog iononsonoquellaragazza (e ripeto per l'ennesima volta : se qualcuno vuole unirsi è il benvenuto!).


La serie TV: The Affair.
Noah, Alison, entrambi sposati, una cittadina in riva al mare ed una relazione extraconiugale. Niente di più banale, direte voi. Forse; fatto sta che nell'aria aleggia un omicidio (sappiamo che alla fine ci sarà, perché la vicenda è narrata mediante flashback) , ed in ogni episodio abbiamo una doppia versione dei fatti: quella di lui e quella di lei. Un po' Rashomon, un po' cinemozioni 5 (per citare Gardy, una delle mie blogger preferite) questa serie è arrivata al quinto episodio e mi sta intrigando tantissimo. Complici anche una radiosa Ruth Wilson ed un sempre affascinante Dominic West!
 Provatela!





Il libro: Non ho letto libri particolarmente memorabili in Ottobre. Ma negli ultimi giorni del mese ho iniziato Quando c'era Marnie di Joan G. Robinson che come ho già detto QUI mi è piaciuto molto. Quindi scelgo lui, e nuovamente ve lo consiglio!





Il film: Ne ho visti pochissimi, e fra quei pochi gran parte mi hanno deluso (vedi l'insulso Annabelle) . L'unico abbastanza carino è stato I guardiani della Galassia: lo so, non è niente di che ma l'ho trovato piacevole, e con una splendida colonna sonora.



La canzone: Fiona Apple - Sleep To Dream


L'oggetto: Il biglietto per il Lucca Comics & Games 2014. Come sapete, quest'anno sono andato il primo giorno (Giovedì), sperando così di evitare il caos e il sovraffollamento del fine settimana. Ma pur essendo arrivato prestissimo una mezz'oretta di fila me la sono fatta comunque!




Il cibo: Crostata alla ricotta con gocce di cioccolato. Voi non potete capire la bontà di questa crostata...Ogni volta che la assaggio mi vengono le lacrime agli occhi! Ecco la foto dell'ultima che ho fatto:



lunedì 10 novembre 2014

From Lucca with Love: Commentando gli acquisti lucchesi - Parte 2




Seconds di Brian Lee O'Malley (Rizzoli Lizard)
Commento:Non sono un hardcore fan di O'Malley, ma ho sempre apprezzato il suo stile pop e le sue storie scanzonate e un po' pazze. 
Seconds ha per protagonista Katie, un' abile chef che sogna di aprire un nuovo ristorante tutto suo. Ma alcune scelte non proprio felici sembrano intralciare questo suo sogno, fino a quando accade l'impensabile: uno "spirito della casa" (ispirato forse allo  zashiki-warashi giapponese) le appare davanti agli occhi e le offre uno strano funghetto, grazie al quale può cambiare una "scelta" fatta in passato. Katie ne approfitta immediatamente (e senza farsi troppe domande), ma in seguito trova una vera e propria riserva di funghetti e comincia ad abusare di queste "seconde possibilità", incasinando e modificando pesantemente la realtà in cui vive. 
La trama non è particolarmente originale ma il brio dell'autore riesce a rendere accattivante e piacevole una storia che, in mano ad altri, sarebbe potuta risultare trita e scontata. 
I personaggi sono quelli tipici o'malliani (simpatici ma anche in filo irritanti) e graficamente è un gioiellino. Insomma, se avete apprezzato le altre opere dell'autore vi piacerà sicuramente, ma mi sento di consigliarlo anche a chi non ha mai letto niente di O'Malley: è un ottimo volume per iniziare a conoscerlo.





Flat di Natsu Aogiri
Commento:Il protagonista è Heisuke, un giovane studente svogliato, che ha come unico interesse quello dei dolci (farli e mangiarli). Di punto in bianco si ritrova "sul groppone" (come suggerisce la copertina XD) il cuginetto Aki, che durante il giorno viene affidato alla famiglia del protagonista (i suoi zii infatti sono entrambi occupati con il lavoro e preferiscono non lasciare solo il figlio). Aki è un bambino super diligente e timido (che differenza dai bambini italiani!) ma in breve tempo finirà per affezionarsi tantissimo a Heisuke.
Ennesimo manga del filone "come ti cresco il pargolo" , questo primo volume, seppur piacevole,  mi ha lasciato abbastanza freddino. I personaggi sono interessanti ma abbastanza stereotipati: c'è l'amico tsundere e quello svampito, e la protagonista femminile è la classica ragazza tranquillissima immersa in un mondo tutto suo. Si vede che l'autrice è un' esordiente e a fine lettura non mi è venuta la voglia irrefrenabile di leggere il secondo. Però credo che lo continuerò, perché come ho già detto all'inizio è stata comunque una lettura piacevole. L'unica nota negativa è la traduzione, che in numerosi punti mi suona veramente strana. 






Affection di Lee So-young.
Trama (fornita dalla casa editrice): Nella Corea del quindicesimo secolo, una principessa è costretta dalle circostanze a travestirsi per prendere il posto del gemello deceduto. La ruota del destino la porterà prima a salire al trono al posto suo, divenendo re; e poi, una volta che la sua vera identità viene svelata, a subire un'ineluttabile condanna a morte. La straordinaria e tragica vita, le emozioni, gli amori di questa principessa-re narrati in maniera elegantissima e toccante da una delle più grandi maestre del fumetto coreano: Lee So-young. 
Commento: Un tempo questa autrice mi piaciucchiava, anche se puntualmente riusciva a deludermi nella parte finale delle sue opere (vedi Horror Collector) . Stavolta invece, nonostante l'ambientazione intrigante ed il tema del travestitismo inserito in un contesto storico (che mi intriga sempre moltissimo)  ho trovato questo Affection incredibilmente insipido e totalmente privo di elementi interessanti. Datemi  il Torikae Baya di Chiho Saito invece di questo coso qua!
Ovviamente non prenderò il secondo volume.

giovedì 6 novembre 2014

From Lucca with Love : Commentando gli acquisti lucchesi - Parte 1




Sock Monkey • Treasury • di Tony Millionaire (Edizioni BD)
Commento: Questo volume mi ha provocato uno di quei piccoli terremoti interiori che già in precedenza mi avevano suscitato opere da me amatissime come "Il castello" di Linda Medley e "Dolci tenebre" dei  Kerascoët. E' di una bellezza quasi crudele, e già mi chiedo come ho fatto a vivere per trent'anni senza conoscere Tony Millionaire. 
Sock Monkey ha per protagonista lo Zio Gabby, una scimmietta imbottita ricavata da un calzino, e la sua cricca di amici: il pupazzetto Sir Corvo e la psicopatica e inquietante bambolina Inches. Fra case vittoriane sempre diverse e avventure narrate in varie forme (striscia a fumetti, libro illustrato, storia lunga suddivisa in capitoli, in bianco e nero o a colori) questo volume mi ha incantato: le storie di questi giocattoli sono sempre avventurose e divertenti, ma anche bizzarre e sovente sottilmente ciniche e crudeli (per non dire macabre). In molti vi chiederete: ma sono storie per bambini o per adulti? Beh, questa domanda è stata rivolta allo stesso autore , e lui ha risposto: alcune storie sono state pensate per i bambini, ma altre decisamente no! E in questo volume troverete storie appartenenti ad entrambe le categorie! 
L'edizione italiana by Edizioni BD è bellissima, ed è identica a quella americana uscita per Fantagraphics. E' un volume da avere? Sì, assolutamente. Per me è una delle cose più belle uscite nell'edizione 2014 del Lucca Comics. 






Aoi Hana di Takako Shimura (Renbooks)
Commento: Che emozione vedere una delle opere più belle della mia amata Takako Shimura tradotta in italiano! L'attesa è stata lunghetta, ma a mio parere ne è valsa la pena: l'edizione by Renbooks è proprio carina. Avevo già letto questo primo volume tempo addietro, ma devo dire che pur essendo abbastanza introduttivo mi è piaciuto molto: Fumi e Akira sono fin da subito splendidamente caratterizzate, ed anche i luoghi dove si svolge la vicenda (la città di Kamakura, nella prefettura di Kanagawa) hanno un loro fascino particolare. 
Non lasciatevi ingannare dai disegni delicati: la Shimura ama i toni pacati e slice of life, ma all'occorrenza sa essere di un realismo quasi disarmante (se non crudo). 
Stra-Consigliato!







L'orgoglio di Leone di Flavia Biondi (Renbooks)
Commento: Scusate, ma la bravura di Flavia Biondi mi lascia sempre sgomento e non so mai cosa scrivere per renderle pienamente giustizia. Posso semplicemente dire che questa sua nuova opera è un piccolo capolavoro, oppure che raramente ho letto fumetti scritti così bene... Ma forse, la cosa più importante da riferire è che mi ha emozionato tantissimo: ha toccato corde che molto raramente vengono anche solo sfiorate. E i dialoghi poi, sono straordinari: alcuni passaggi me li sono letti e riletti fino allo sfinimento. 
Davvero, questa autrice è uno dei talenti più rari e preziosi del panorama fumettistico italiano. 






Feral Children di Collettivo Manticora 
Commento: Anche il nuovo volume del gruppo Manticora -che ha come tema portante quello dei bambini selvaggi- mi è piaciuto molto. Avevo già avuto modo di leggere altre opere di questi giovani e promettenti autori, e questo Feral Children conferma per l'ennesima volta il loro talento. 
Flavia Biondi a.k.a Nathanielle ci regala lo splendido racconto Shahla, storia ambientata fra i lussureggianti boschi degli appennini durante la prima guerra mondiale, che ha per protagonisti due gemelli cresciuti separati  ma allo steso tempo intimamente legati. 
Anna Ferrari, con il suo stile unico e inconfondibile ci delizia con Oxana, un racconto ispirato alla storia vera della feral child ucraina Oxana Malaya, mentre Lorenza De Luca fa commuovere con il racconto Homo Homini Lupus, che narra la storia del celebre dottore Jean Marc Gaspard Itard e del suo paziente più famoso, ovvero il piccolo Victor di Aveyron;  il tutto narrato attraverso gli occhi della domestica Hagal. Dulcis in fundo, il divertente e geniale racconto di Ivan Lodi Zanne e Piume: qui i feral children non sono altro che armi "umane" in una sanguinosa e divertentissima faida fra piccioni e ratti. 
Un volume piacevolissimo. Recuperatelo QUI!

P.S: Amo Astore!









Quando c'era Marnie di Joan G. Robinson (kappalab)
Commento: Il libro è innegabilmente delizioso (mi è piaciuto moltissimo ed ha quintuplicato l'hype per il film dello Studio Ghibli) , ma la scarsa cura editoriale della Kappa Edizioni - o Kappalab, o come diavolo si chiama adesso-  mi ha rovinato un po' la lettura: refusi, articoli mancanti, parole ripetute! Un correttore di bozze avrebbe certamente giovato. Ma ripeto, anche con il fango addosso ,  la bella storia dell'amicizia fra Marnie e Anna resta un gioiellino della narrativa per l'infanzia quindi recuperatelo (anche in lingua originale, ma fatelo!). 

domenica 2 novembre 2014

Annunci Lucca: I titoli Yue Approved

La Starcomics non delude le nostre aspettative annunciando più che altro fuffa, tranne A silent voice (Koe no Katachi) [1] di Yoshitoki Ooima, storia di una giovane ragazza non udente  di cui ho sentito parlare un gran bene. Kingyozaka Noboru di PEACH-PIT [3] è uno shoujo sul filo del paranormale che potrebbe essere carino, ma ho letto solamente il primo capitolo, quindi vi farò sapere qualcosa di più  in futuro. Sul fronte ristampe, dopo aver dato la precedenza a serie inutili arriva finalmente quella di Maison Ikkoku di Rumiko Takahashi [2]: ormai non ci speravo più di vederla prima della demenza senile.



La Goen continua a fare annunci disperati a destra e a manca, quando ci sono ancora corbelli di titoli - da loro annunciati eoni fa -  scomparsi nel nulla. Fra i titoli Yue Approved ci sono Sam il ragazzo del west (Kouya no Shounen Isamu) di Noboru Kawasaki e Souji Yamakawa [1] (perché al vintage non so resistere, e sono affezionato al cartone : ve la ricordate la sigla? Io l'adoravo  ;) ),  Teiichi no Kuni di Usumaru Furuya [2] (perché è una delle sue opere più geniali e fuori di testa, ambientata in un prestigiosissimo liceo maschile),  Buffalo 5-nin Musume di Moyoco Anno [3] (amo questa autrice, ed il volume è piacevolissimo, squisitamente pop e tutto a colori!) e dulcis in fundo il josei Himitsu di Reiko Shimizu [4] (per me l'annuncio più importante di questo Lucca Comics 2014) : è un capolavoro! Pensate un po': come cambierebbe un indagine poliziesca se fosse possibile estrapolare dal cervello di una vittima di omicidio le ultime immagini che ha visto in vita? . 
Sul fronte ristampe ritorna Versailles no Bara (Lady Oscar) di Ryoko Ikeda [5]. 



La Panini sul fronte manga delude tantissimo con annunci noiosi che non vale nemmeno la pena riportare.  


La GP/Jpop continua con le opere di Nagai, come se non ci fosse un domani. Per il resto, poca roba interessante, fatta eccezione , forse,  per lo shoujo Beauty Honey  di Tomo Matsumoto, autrice che ha sempre avuto una buona fetta di fan anche qui in Italia, e che mi incuriosisce molto. 


Voi cosa prenderete dei titoli annunciati a Lucca? 






domenica 26 ottobre 2014

Wish List per Lucca

Anche quest'anno sarò presente al Lucca Comics & Games ma sfortunatamente ho soltanto il Giovedì libero, quindi non riuscirò a vedere quasi nessuno dei miei amici blogger e non (che arriveranno in maggioranza da Sabato in poi) . Questa cosa mi rende tristissimo, soprattutto se ripenso allo splendido blog-raduno dell'anno scorso, dove ho potuto conoscere dal vivo tante splendide persone! Ma pazienza, quest'anno è andata così.

Sia clacca che Hermes hanno postato sui loro blog la loro shopping list di Lucca, quindi seguo il loro esempio e la pubblico anch'io, ma con una lieve differenza: la mia è più che altro una wish list, perché i soldi sono pochi ma i volumi in fiera interessanti sono TANTISSIMI. 

Hikari:



Gen di Hiroshima è un opera che ho sempre voluto leggere, quindi rientrerà sicuramente negli acquisti effettivi. Su Il mondo quadrimensionale ci devo riflettere un po': è un volume di racconti brevi piuttosto datati (e di svariato genere), e la cosa gioca a suo favore, visto che le opere più recenti di Leiji Matsumoto mi hanno sempre deluso (mentre ho amato quelle più datate come la  Regina dei 1000 anni e la prima , meravigliosa serie di Galaxy Express). 

Coconino:



 Finalmente Il vampiro che ride di Maruo in edizione integrale! Fino ad oggi avevano pubblicato solamente il primo volume: a Lucca porteranno la riedizione del primo ed il secondo. Miei!
 Poi prenderò quasi certamente Poco Raccomandabile di Chloé Cruchaudet: l'autrice giovedì non sarà presente, e mi dispiace tantissimo perché mi sarebbe piaciuto tanto incontrarla, SIGH.


Bao:



Ecco, questi sono tre volumi che incuriosiscono molto: quello di Fumio Obata è un acquisto quasi certo, gli altri due sono in forse: Pellizzon è un illustratore straordinario, e voglio proprio vedere come se l'è cavata con questa graphic novel lunga. Mystery Society sembra un volume leggerino e carino, messo in wish list più che altro per i disegni di Fiona Staples, che adoro. 

ReNoir Comics: 


Ho sempre, SEMPRE voluto leggere le avventure del coniglio samurai Usagi Yojimbo disegnate da Stan Sakai , e la ReNoir se ne esce con questi due volumi bellissimi e lussosissimi di 500 e passa pagine l'uno! Ah, costano tantissimo e molto probabilmente non li prenderò, ma in fiera li voglio sfogliare e baciare. XD

Renbooks


La mia illimitata adorazione per Flavia Biondi a.k.a Nathanielle è cosa nota, quindi attendo la sua nuova opera con trepidazione (e spero di riuscire a strappargli una dedica). A Julie Maroh non so dir di noh e della Mabel non vedo l'ora di leggere questa raccolta di storie brevi , soprattutto dopo esser rimasto piacevolmente sorpreso dal bel Cinquecento milioni di stelle! E Nino, se porto il mio volume dei Guardiani me lo firmi, vero?
Altri acquisti sicuri: Aoi Hana e il secondo di Sorairo Flutter . 

BD Edizioni


Sono anni che voglio leggere in italiano le avventure di Sock Monkey, di quel geniaccio di Tony Millionaire e BD Edizioni ha da poco annunciato che porterà a Lucca questo bellissimo volume, che già desidero ardentemente. Pupazzetti, magioni vittoriane, avventure ciniche e tragicomiche!  Vi sfido a leggere questa anteprima, ma a vostro rischio e pericolo. Per me è un acquisto quasi certo (anche se so già che sarà un volume carissimo... >_<) 

Manticora Autoproduzioni:


Questo volume dedicato ai "ragazzi selvaggi" mi ha incuriosito fin dalle primissime immagini, e non vedo l'ora di averlo fra le mie manine! Un anno fa non sono riuscito ad andare a trovare i manticorini al loro stand, quindi, per farmi perdonare,  ho comprato tutte le loro bellissime opere in formato digitale. Ma quest'anno, cascasse il mondo, passerò dal loro stand perché questo volume lo voglio assolutamente in cartaceo (con le loro firme magari)

Panini Comics


Ho sempre voluto leggere questa storia "fantasy" con i topini (fin dalla prima pubblicazione by Planeta DeAgostini) , e quest'anno la Panini ha deciso di pubblicare i due volumi in una nuova, splendida edizione (ritradotta), in contemporanea all'arrivo dell'autore a Lucca. Non ho ancora deciso se prenderli o meno: valuterò sul momento, a seconda delle finanze.  

venerdì 17 ottobre 2014

Soil di Atsushi Kaneko

Oggi vi parlo di un fumetto appena uscito, che prima dell'annuncio della sua pubblicazione ha rischiato veramente tanto di finire nella rubrica I manga che non leggeremo mai in Italia!



Titolo: Soil (ソイル) , che è rimasto invariato nell'edizione italiana.

Autore: E' Atsushi Kaneko, che nel 2007 ha esordito in Italia con il manga Bambi [1]. In seguito sono arrivati i volumi unici R B. Q. - The Fly BookB. Q. - The Mouse Book [2].

Informazioni: Soil è stato serializzato sulla rivista Comic Beam di Enterbrain. E' composto da 11 volumi.

Trama: Soil New Town è un grazioso complesso residenziale, con tante casine ordinate e giardini pieni di impeccabili fiori. Gli abitanti -che si conoscono tutti- sono come una grande famiglia, e le loro esistenze scorrono tranquille sotto lo sguardo benevolo del presidente del comitato cittadino. Una sera di un autunno insolitamente caldo accade però l'imprevisto: un enorme pilone della luce cade provocando un temporaneo black-out. E mentre la cittadina si ritrova completamente al buio, una famiglia composta da padre, madre, figlia e un criceto (i Suzushiro) , scompare misteriosamente. 
Ad indagare sul luogo arriveranno lo sgradevole sergente Yokoi e la giovane e impacciata agente Onoda: sarà un caso di rapimento? Oppure una fuga in piena notte? Che fine hanno fatto i Suzushiro?
Di certo, gli elementi bizzarri non mancano: nella camera da letto della figlia scomparsa torreggia una bizzarra colonna di salgemma, ed un enorme quantitativo di questa sostanza -quasi una piramide- viene ritrovato anche nel cortile della scuola media della cittadina. Inoltre, la sera del black out, è scomparso anche un giovane poliziotto di ronda , e poco prima, tramite radio, aveva segnalato ad un collega la presenza di un misterioso uomo,  nudo e coperto di scaglie, proprio davanti alla casa dei Suzushiro. Ma queste sono solo alcune delle stranezze che si celano dietro la rassicurante normalità di Soil New Town... 



Commento di Yue: Mi è piaciuto moltissimo. Ebbene sì, lo dico subito perché sento che mi dilungherò molto nei commenti, quindi per contentare gli impazienti ho messo subito le cose in chiaro. Per alcuni risulterà insulso, per altri troppo grottesco e per altri ancora perfino sgradevole. Ma con il sottoscritto l'autore è riuscito a colpire nel segno, ovvero è riuscito ad intrigarmi con questo (cit.) twisted mystery cattivo e disperato

La storia, come si può intuire dalla trama, è quella tipica della cittadina "sorridente" che nasconde torbidi segreti: la Laura Palmer della situazione è rappresentata dall'intera famiglia Suzushiro, e la loro scomparsa è l'elemento scatenante della storia. Ma ci sono tanti altri misteri a Soil New Town, e quello "originario" viene forse suggerito nello stesso prologo che apre il volume (che ci mostra, nei secoli, il terreno su cui è stata costruita la cittadina), dove sono mostrati strani rituali risalenti al periodo Jōmon e misteriosi fatti di sangue.
Le parti più blandamente investigative sono affidate ai personaggi di Yokoi e Onoda, ma spesso e volentieri l'autore narra più volte gli stessi fatti ma da diversi punti di vista, esplorando così la psiche di vari personaggi e svelando lati che restano nascosti ai due detective. I tasselli per la risoluzione del mistero riguardante i Suzushiro sono pochissimi (almeno in questo primo volume) , quindi tutte le "strade" sono possibili e conoscendo l'autore, non so davvero cosa aspettarmi. 
L'accostamento a Twin Peaks (fatto da molti) secondo me non è del tutto fuori luogo e , anzi, l'influenza di David Lynch è abbastanza palpabile. Però, durante la lettura, non ho potuto fare a meno di pensare anche ad alcune storie a fumetti delle riviste antologiche Weird Fantasy e Weird Science [3]. 


I personaggi (o meglio, la gran parte di essi) sono assolutamente sopra le righe, e questa è forse una delle cose che potrebbe allontanare/disturbare i più. Prendiamo Yokoi: come si fa a provar simpatia per un uomo volgare, col parrucchino, schifosamente maschilista e ossessionato dai suoi odori corporali? Per fortuna ci sono anche personaggi più simpatici (la povera Onoda, ma anche i marmocchietti del Club sui fenomeni paranormali) ma stranamente, tutti sembrano avere degli strani "tic"che li rendono sottilmente grotteschi, comici o inquietanti a seconda della situazione . 
Non voglio spoilerare troppo, ma anche su questo fronte ci vedo tanto potenziale, ma vedremo nei prossimi volumi.



Lo stile di Atsushi Kaneko, beh, è unico. Tanto per cominciare, il suo utilizzo della linea chiara risulta molto insolito per un manga, e mi ricorda un po' quello dei vecchi fumetti americani utilizzati da Roy Lichtenstein per le sua pop art. All'inizio è sicuramente spiazzante, e temo che saranno in molti a posare l'albo dopo averlo sfogliato. Ma che errore! Io dopo qualche pagina ho finito per amarlo questo stile , e poi adoro la sua cura quasi maniacale per i dettagli . Perfino la disposizione delle tavole -che ha un che di "Kubrickiano"- è affascinante. E poi, le copertine: tutte e undici rappresentano delle foto della sorridente famiglia Suzushiro (ritratta in diverse situazioni) ma in ognuna di esse c'è una piccola ombra scura. All'inizio è davvero inquietante, ma poi diventa sempre più buffa e familiare: che ci volete fare? Kaneko è così!



Insomma, il mio parere su quest'opera l'ho espresso all'inizio, quindi non aggiungo altro, se non un piccolo avvertimento: prima di snobbare questo fumetto pensateci bene!

Note:

[1] Pubblicato sulla storica collana Manga San e rimasto incompiuto (sono stati pubblicati due volumi dei sei giapponesi).

[2]Tutti e tre pubblicati da D/Visual.

[3] edite da EC Comics, in Italia sono state pubblicate in volume da 001 Edizioni.

domenica 5 ottobre 2014

Intermission 22 - Il punto della situazione

Riassunto di questo Intermission: Ancora una volta, commento capricciosamente e svogliatamente le mie ultime letture. Inoltre commento gli annunci (pochi) fatti al Romics, e faccio il punto della situazione su alcuni shoujo di cui ho parlato su questo blog.

Ultime letture:


Hapi Mari 1
Me ne avevano parlato come di un josei smut assolutamente molesto, ma alla fine, dopo una sfogliata in fumetteria, ho ceduto a un misterioso impulso e l'ho preso. L'incipit è uno fra i più classici: la protagonista è oberata dai debiti del padre, e si ritrova ad accettare una proposta assurda, vale a dire diventare la moglie del suo capo. Il nonno del capo (il grande capo XD) , infatti, ha un enorme debito di gratitudine nei confronti della nonna della protagonista, ed è più che felice di concedere il nipote e di riparare ai debiti della sciagurata.
Inizia così una convivenza forzata fra i due novelli sposini, che devono mantenere nascosto il fatto di essere sposati ai loro colleghi e allo stesso tempo imparare a sopportarsi. Lui, ovviamente , è il classico stronzone un po' subdolo, mentre lei è la classica protagonista un po' ingenua e inesperta in amore (anzi, come la protagonista di Oggi sono in ferie non ha mai battuto chiodo, anche se è più giovane XD). In molti penseranno: C'era davvero bisogno di un josei smuttoso di Sho-comi? Con tutti i josei splendidi ancora inediti nel nostro paese?
A queste domande non voglio rispondere. Dico solo che questo primo volume mi ha divertito, e mi ha regalato una mezz'ora piacevole. Non è certo una lettura profonda, ma nemmeno eccessivamente frivola e stupida: l'ultimo capitolo di questo primo numero, ad esempio, ne è un chiaro esempio. Certo, il rischio "svacco" rimane altissimo, ma per adesso non l'ho trovato ne molesto ne eccessivamente smuttoso. Quindi lo continuo, e vedremo cosa succederà nei prossimi volumi.



Piece of Cake 2
I personaggi della Asakura raramente sono amabili, ed anche in questa sua opera non c'è un personaggio uno che non prenderei a schiaffoni! Però, allo stesso tempo, è impossibile non affezionarsi a questi personaggi deboli e pieni di difetti, o almeno a me succede così (e così era successo anche per Cuori Colpiti).  Il mio preferito rimane Akari, e per quanto riguarda la sua storia voglio proprio vedere dove andrà a parare l'autrice. Nel complesso, questo secondo volume mi è piaciuto un po' meno del primo, ma spero di non dover aspettare eoni per poter leggere il terzo. Un ultimo appunto sull'edizione: quanti refusi! E per me c'è qualcosa che non quadra anche nella traduzione/adattamento, perché ci sono dei passaggi davvero confusi e fumosi.



Oggi sono in ferie 2
Il primo volume mi era piaciuto moderatamente (più che un josei mi sembrava uno shoujo mascherato da josei), ma questo secondo volume mi ha convinto molto di più, e nel complesso devo dire che è una storia graziosa. Sia chiaro, io non faro mai il tifo per il giovane Tanokura, perché Asao era il mio preferito già nel primo volume, e anche in questo secondo acquista parecchi punti.








I giorni della sposa 5
Un buona metà del volume è dedicata alla cerimonia di nozze delle due gemelline, mentre nell'altra metà torniamo da Amira e Karluk, e alla loro vita di tutti i giorni. Nel complesso è un volume molto tranquillo ed evocativo (bellissime le pagine sui preparativi ai festeggiamenti) ma all'orizzonte sembra esserci aria di tempesta!
C'è anche un breve cameo di Talas: la sua breve e infelice storia con Mr. Smith è quella che mi ha coinvolto maggiormente, e spero che prima o poi l'autrice torni a parlare di questa coppia.
Anche in questo caso, speriamo di non dover aspettare eoni per il prossimo volume!




Ali sulla neve 2
Secondo volume un po' noiosetto: dopo il drammatico epilogo del caso dell'assassino/stupratore, il duo di protagonisti è alle prese con il loro secondo caso, inerente un sassofono scomparso.
Il protagonista è il solito lagnone insopportabile e fra un' indagine e l'altra (o forse dovrei dire, fra un potere e l'altro) si intravedono scorci del passato della protagonista, e scopriamo che in effetti un "potere" vero lo possiede, e per certi versi  anche molto comodo.
Arriva anche un nuovo personaggio (una ragazza vittima di abusi), ma come ho detto all'inizio la noia regna sovrana. Non so, ma rispetto ad altre opere di Shin Takahashi manca qualcosa, e la storia stenta un po' a decollare. Staremo a vedere con il terzo volume!



Seven Deadly Sin 1
Di solito evito come la peste gli shonen, ma stavolta sono rimasto colpito dai disegni graziosi e vagamente "fantasy", quindi ho preso il primo volume. Direi che nel complesso si lascia leggere (ed i disegni sono davvero bellini e ricchi di dettagli per essere un fumetto a serializzazione settimanale), ma nel complesso non presenta niente di veramente innovativo o intrigante. Però l'ambientazione in stile "gioco di ruolo" mi intriga, e a scrocco lo leggerei molto volentieri.







Annunci Romics:

Di interessante hanno annunciato il fantasy Junketsu no Maria (dell'autore di Moyashimon) che uscirà per Starcomics e Confession, un ottimo thrillerone ad alta quota dagli autori di Seizon- Life (per Panini). Hanno annunciato anche la ristampa di 20th Century BoysLovely Complex (shoujo veramente grazioso che consiglio a tutti se non l'avete ancora letto!) e quella di Marmelade Boy (non commento).



Punto situazione shoujo:


Una stella cadente in pieno giorno: interrotto al quarto volume, con scarse possibilità di ripresa. I disegni sono bellissimi (non mi stancherò mai di dire quanto mi piace lo stile della Yamamori) ma la storia è banalotta, con situazioni trite e ritrite e comprimari che mancano totalmente di caratterizzazione (vedi amiche della protagonista). Non è uno shoujo malvagio, ma non ho nemmeno la curiosità di sapere come andrà a finire.

Oresama Teacher: interrotto al quinto volume, con buone possibilità di ripresa. E' divertentissimo, ma anche questo faccio un po' fatica a leggerlo (un volume mi dura giorni e giorni). Quindi al momento lo metto in pausa, ma non è un' interruzione definitiva.

Kamisama Kiss: interrotto al terzo volume, dal destino incerto. E' grazioso, anche se un po' altalenante come qualità (alterna storie molto carine ad altre piuttosto scialbe e noiose). E poi ultimamente ho qualche problema con i manga troppo troppo "episodici": anche con Natsume degli Spiriti sto indietrissimo!

Il fiore millenario: Sono in pari, e continuo a leggerlo con grandissimo piacere! E' l'unico fra i nuovi shoujo che mi abbia convinto completamente per tutti i volumi usciti.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...