lunedì 5 settembre 2016

Best & Worst : August 2016

Questo terzo appuntamento con i Best & Worst (come sempre in comunella con il blog iononsonoquellaragazza ) , oltre ad arrivare leggermente in ritardo sarà anche molto breve. 

Libro scoperto grazie a due carissimi amici blogger (Caroline e BrokenMirror31) , è stato l'unica vera sorpresa di questo Agosto.

Romanzo d'esordio di Saleem Haddad, è ambientato in una non ben identificata città del Medio Oriente, ed ha per protagonista Raza,  un giovane interprete gay e impegnato politicamente, alle prese con la fine di un'importante storia d'amore e con la delusione della Primavera araba, che lentamente sta tramontando nella violenza. 
Come ho scritto su aNobii ha tutte le debolezze tipiche dei romanzi d'esordio ed i punti di forza dei romanzi semi-autobiografici. La scelta di non localizzare geograficamente il luogo in cui si ambienta gran parte della vicenda è un po' destabilizzante, ed il potenziale di alcuni personaggi (Maj e Basma) non viene sviluppato a pieno, cosa che unita al finale piuttosto aperto ti lascia quasi con il desiderio di poter leggere un seguito. Ma nel complesso è appassionante, scritto bene e si divora in poche ore, quindi non posso fare altro che consigliarlo!



Solitamente Daniel Clowes suscita in me le emozioni più disparate: amore, odio, paura, angoscia, antipatia, frustrazione, tristezza e chi più ne ha più ne metta. Voglio dire, prendiamo ad esempio Ghost World: a distanza di anni non riesco ancora a formulare un giudizio preciso su quest'opera. Certe volte mi verrebbe da dire che è un capolavoro, altre  che è uno dei fumetti più irritanti e odiosi che io abbia mai letto. 
Insomma, Clowes non mi aveva mai lasciato indifferente... Fino a questo Patience
Sia chiaro, non c'è niente che non va con la storia (che parla di un'uomo che viaggia nel tempo per salvare la donna amata) ma stranamente sono arrivato alla fine del volume piuttosto annoiato. Mi è sembrato un Clowes piuttosto stanco e "annacquato", ma molto probabilmente sono io che non capisco niente! ;)

4 commenti:

  1. Poca roba per Agosto.. io non ho letto assolutamente nulla.. una mese di analfabetismo completo per me!

    RispondiElimina
  2. Carissimo, non vedo contraddizioni nel tuo giudizio su Ghost World: un capolavoro può benissimo essere irritante e persino "odioso" :)
    Ho preso Patience proprio ieri (lo sai già da instagram ^____^) e anche se fosse noiosissimo, io adoro talmente lo stile grafico di Clowes che mi basta già quello per aver speso bene i miei soldi :D
    A proposito: anche Wilson, sempre di Clowes, l'ho trovato splendido e irritante (non gli spareresti su un piede a quell'antipaticherrimodi Wilson?!?...) ;)
    Baciotti e a presto!

    RispondiElimina
  3. Patience avevo deciso di recuperarlo durante questi sconti, ma poi ho letto l'anteprima sul sito della Bao e non mi è piaciuta. Aggiungici commenti poco entusiasti come il tuo e il risultato è ovvio: ho cambiato idea! Mi sa che il recupero di Green Manor è sempre più sicuro! XD

    RispondiElimina
  4. Ciao, come (forse) avrai notato non aggiorno piu' il blog e non commento piu'. Ma come vedi sono piu' attiva su altri social, tipo Instagram.
    Il fatto è che non ho piu' il PC ma solo il tablet e l' Iphone, e ti giuro che scrivere commenti sotto i blog con questi due marchingegni è a dir poco impossibile. Ma ancora piu' impossibile è scrivere per me nuove recensioni!
    Oggi ho "rubato" il PC al mio compagno cosi' almeno posso commentare.

    Contentissima che ti sia piaciuto "Ultimo Giro al Guapa". Io vorrei tanto un sequel , in cui magari lui torna in USA alla ricerca della madre (dopo aver trovato le lettere che la nonna-odiosa-gli aveva nascosto).
    Ho trovato il racconto molto vivido, molto realistico...Per essere il suo primo romanzo, è davvero notevole.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...