mercoledì 9 gennaio 2013

Ecco un po' di commenti random sulle ultime cose da me viste:

I due protagonisti (in realtà la stessa persona) di A Young Doctor's Notebook
A Young Doctor's Notebook: Miniserie composta da quattro episodi di venti minuti. E' tratta da alcuni racconti autobiografici di Bulgakow, sulle sue prime esperienze come dottore in uno sperduto ospedale in mezzo al nulla (in Italia sono stati pubblicati come "I racconti di un giovane medico"). Il medico novello è interpretato da un discretamente bravo Daniel Radtcliffe (Harry Potter!),  mentre quello adulto che "ricorda" è interpretato da John Hamm (il Don Draper di Mad Men).  E' una miniserie molto carina, intrisa di humor nero e dall'impianto un po' teatrale (il dottore giovane e quello adulto spesso interagiscono fra di loro, creando situazioni esilaranti). Da vedere per passare un' oretta di puro divertimento. Un avviso per i deboli di stomaco: c'è una grande abbondanza di sangue ed un certo compiacimento a limite dello splatter nel mostrare i vari, goffi interventi eseguiti dal dottore. Se siete facilmente impressionabili, preparatevi! XD

Macfayden nei panni dell'ispettore Reid  in Ripper Street
Ripper Street: Serie tv prodotta da BBC e BBC America ambientata nel quartiere di Whitechapel, nei mesi immediatamente successivi agli omicidi di Jack the Ripper. Matthew Macfadyen interpreta un ispettore che, con la sua squadra, indaga su svariati casi di criminalità (dove l'ombra dello squartatore è sempre presente). Il cast è buono (Macfadyen convince, e c'è anche l'attore che fa Bronn in Game of Throne) e nel complesso il primo episodio è piacevole, anche se non eccessivamente esaltante. Mi ha ricordato moltissimo un' altra serie della BBC America, ovvero Copper, che pare veramente in fratello americano di questo Ripper Street. Sono da poco usciti i sottotitoli del secondo episodio, ed io continuerò a seguirlo perché ci sono alcuni elementi sinceramente molto promettenti.



Restless
Restless: Miniserie in 2 episodi della BBC tratta dal romanzo "Inquietudine" di William Boyd. Fra gli attori la grande Charlotte Rampling, l'onnipresente Michael Gambon, il redivivo Rufus Sewell, la bella Hayley Atwell (vista ne I pilastri della terra e Capitan America) e Michelle Dockery (Lady Mary di Downton Abbey).  E' una spy-story ambientata su due piani temporali: quello dei ricordi della protagonista (anni 40) , e quello del presente (in questo caso gli anni 70) e devo dire che nonostante qualche incongruenza di carattere pratico (vedi l'incompatibilità fisica fra le versioni giovani e mature degli attori) me la sono goduta. Tecnicamente parlando , sia come regia che come ricostruzione, è un ottimo prodotto. E la storia della vecchia spia Eva tormentata dai fantasmi (e dagli amori) del passato è sicuramente coinvolgente. Da provare! I sottotitoli sono usciti per Subfactory.

La splendida Rachel Weisz in The Deep Blue Sea
The Deep Blue Sea: Film del 2011 tratto da un' opera teatrale di  Terence Rattigan, che in passato era già stata trasposta in un film interpretato da Vivien Leigh. La storia è ambientata a Londra, negli anni 50, e narra la vicenda di una donna che abbandona il facoltoso marito ed una vita di agi per concedersi completamente all'uomo che ama, ovvero un giovane ex aviatore squattrinato. I due andranno a convivere insieme, ma il dramma è ovviamente dietro l'angolo. Inizio subito col dirvi che è un film PESO, con tempi dilatatissimi e una non linearità della trama che all'inizio lascia parecchio confusi. Ma Rachel Weisz è talmente brava e intensa che rende quasi tollerabile la cupezza generale, ed anche Tom Hiddleston da un' ottima prova (memorabile la scena al museo).  La regia, è anch'essa di impianto teatrale: statica, con pochissime scene in esterno e ricca di "long take" che limitano al minimo il montaggio. Anche l'accompagnamento sonoro è quasi del tutto assente. In definitiva, è un prodotto decisamente particolare, ma da vedere soprattutto se amate i due attori protagonisti. A me è piaciuto molto!



L'elegante Bill Nighy in Page Eight
Page Eight: Altro film tv della BBC scritto e diretto da David Hare, con Bill Nighy, Rachel Weisz, Ralph Finnies, Michael Gambon e Judy Davies. Nighy è un agente dell MI5, che in seguito alla morte del direttore generale e amico Gambon si ritrova in possesso di documenti scottanti che coinvolgono il primo ministro. I suoi stessi colleghi cominceranno a sospettare di lui , ed anche la misteriosa e affascinante vicina (Weisz) sembra nutrire un certo interesse nei suoi confronti. Un po' spy story e un po' political drama, questo Page Eight fila via asciutto e senza sbavature (in pure stile british) grazie soprattutto al fascino vecchio stile di un Nighy davvero bravo. La Weisz è un po' sprecata per il ruolo, mentre Finnies sembra fare le prove generali per diventare il nuovo M. Nel complesso l'ho trovato un prodotto più che dignitoso, impreziosito fra l'altro da una colonna sonora jazz che è un gioiellino. Consigliato anche questo!

1 commento:

  1. Non avevo mai sentito parlare di nessuno di essi! ^^
    Rimedierò.. :p

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...