giovedì 12 settembre 2013

I manga che non leggeremo mai in Italia 19 E' stato annunciato da J-POP




Innocent di Shinichi Sakamoto

Informazioni: E' un seinen storico pubblicato sulla rivista Shuukan Young Jump della casa editrice Shueisha. Ha all'attivo due volumi.

Autore: Shinichi Sakamoto è noto in Italia per il manga sull'alpinismo The Climber, composto da 17 volumi e pubblicato da J-pop. Altre sue opere edite in italia sono il "picchiaduro" Masurao (J-pop - 7 volumi) e il fantasy-storico Niragi Kioumaru  (Panini - 5 volumi). 

Trama: Questo manga parla di un' anima pura e innocente. Di un bellissimo ragazzo di 14 anni che lotta contro il destino che l'ha fatto nascere in una celebre e terribile famiglia di esecutori di giustizia: Sto parlando di Charles Henry Sanson, ovvero colui che diventerà il più celebre Boia di Parigi.


Perché piace a Yue?: Quando ho letto che la nuova opera di Shinichi Sakamoto era dedicata a questo controverso personaggio storico sono rimasto molto sorpreso. Mi aspettavo un manga crudo, sporco e sanguinolento... E invece le prime immagini che ho trovato su internet ritraevano un bellissimo e androgino giovane, con in mano un'immacolata rosa bianca. Tralasciando per un attimo i disegni assolutamente incredibili (ne parlerò più tardi) l'approccio grafico dell'autore al personaggio è molto interessante: Charles Henry viene rappresentato quasi come un angelo della morte, che trova odiosissimo il pensiero di succedere al padre come Boia di corte, ma che suo malgrado è costretto ad accettare.  L'idea di uccidere un essere umano lo ripugna e tutto il primo volume -che finisce con la sua prima esecuzione- e incentrato su questa continua lotta interiore. Mi è piaciuta molto la caratterizzazione della famiglia Sanson: disprezzati dagli stessi nobili e dal popolo (significativa la scena in cui i popolani gettano secchi d'acqua dopo il passaggio di Charles Henry e del padre) formano un nucleo familiare molto unito. La granitica nonna di Charles , crudele matriarca , e il resto della famiglia sono orgogliosi di essere dei Sanson - Boia da numerose generazioni- e non si curano del disprezzo della plebaglia ignorante. I Sanson rappresentano la "spada della giustizia", ed è ancora grazie alla spada donata loro dal re che eseguono le condanne (la ghigliottina arriverà dopo).
 Solo Charles -che è stato costretto ad abbandonare gli studi per il disprezzo dei compagni ed il rifiuto delle altre scuole-  sembra soffrire per questa sua condizione. E quando a metà volume incontrerà qualcosa di dolce, bello e degno d'amore (incarnato in un giovane aristocratico) la maledizione dei Sanson lo colpirà nel modo più beffardo possibile. Purezza, crudeltà, tortura (fisica e morale) e morte: sono questi gli elementi ricorrenti di questa storia, quindi siete avvertiti.


I disegni. Che dire dei disegni? Beh, ormai Shinichi Sakamoto ha raggiunto il punto di non ritorno: le tavole sono talmente dettagliate da dare il capogiro. Io non amo gli stili troppo "carichi", ma Sakamoto -disegnando con il computer- riesce ad inserire ogni minimo dettaglio senza appesantire il tutto: dal pizzo delle maniche fino ai motivi floreali della tappezzeria. E poi è un maestro dell'ombreggiatura: vedere la scena della cena a casa Sanson per credere.
La "regia" delle tavole è quella degli ultimi volumi di The Climber: cinematografica, quasi rarefatta. Si sofferma su dettagli marginali (una falena che si getta nel fuoco, i piedini di una bambina che si alzano sulle punte, una bambola orrendamente legata) , sui volti e sulle mani. Non mancano le pagine dal taglio onirico, ricche di immagini simboliche tanto care all'autore.



In definitiva, questa è un' opera ammaliante e disturbante allo stesso tempo.
Io non sono un grande fan delle altre opere di Sakamoto, ma questo Innocent mi ha proprio sorpreso, e non vedo l'ora di vedere come si evolverà il personaggio di Charles Henry, da ragazzino piagnucolone a boia smaliziato.

Si trova in lingue comprensibili?:Sì, potete trovare il primo volume sul gruppo XXXXX Presto (?) sarà pubblicato da J-pop.


22 commenti:

  1. Ho letto e adorato tantissimo Masurao (e sì, mi ha anche fatto parecchio ridere) e vorrei leggere The Climber ma non ne ho ancora avuto occasione, per cui sì, questa serie mi ispira da matti! E poi è una serie storica (che io adoro) ambientata in uno dei miei periodi storici preferiti *__*

    Visto questa rubrica porta bene, comincio quasi a sperarci ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, questo titolo è un po' meno disperato degli altri presenti nella rubrica. E le altre opere di Sakamoto sono state pubblicate quasi tutte, quindi una minima speranza c'è!
      Davvero Masurao è carino? Mi ha sempre incuriosito ma non l'ho ancora letto.

      Elimina
    2. L'ho preso in blocco ad una fiera senza neppure sapere bene cosa fosse (ero rimasta incuriosita dal poster) e devo dire che l'ho trovato molto carino (e piuttosto divertente, nonostante l'espediente di fondo un po' sui generis) ^^

      E' un classico manga di combattimento con teppisti, senso dell'onore, un po' di classica cultura nipponica e scenette divertenti.

      Un secolo fa avevo scritto una recensione (una delle mie prime, per cui non ne sono molto soddisfatta):
      http://www.prevalentementeanimemanga.net/2011/03/masurao-una-sfida-tra-veri-uomini.html

      PS Se il link ti disturba dimmelo che non li metto più ^^

      Elimina
    3. I link non mi disturbano, anzi! Corro immediatamente a leggere. Grazie!

      Elimina
  2. Beh, dai non è detto che non lo leggeremo mai in Italia. In fondo la J-Pop di Sakamoto ha pubblicato le sue opere fino a poco tempo fa inedite nel nostro paese, non è detto che non puntino anche a questo, no? o.O
    Comunque concordo con tutto quello che hai detto, trovo che in questo ultimo lavoro Sakamoto si sia veramente superato, la sceneggiatura la trovo molto buona e i personaggi sono carichi di forza e personalità. I disegni poi sono magnifici, trovo che il tratto super particolareggiato di Sakamoto si sposi benissimo con lo sfarzo francese del 18° secolo, inoltre come hai detto tu l'uso delle ombre è semplicemente magnifico, le tavole sembrano fotogrammi estrapolati da un film e il tutto è reso molto teatrale. Sicuramente continuerò a seguirlo in scans e spero che in un prossimo futuro venga proposto in Italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la sua pubblicazione è più probabile rispetto ad altri titoli presenti nella rubrica. Mah, speriamo. Anche se ultimamente la J-pop mi sembra orientata su altro (vedi disperate ristampe della roba di Go Nagai) SIGH.

      Elimina
  3. Ho comprato e letto (o meglio divorato!) il primo numero, incuriosito dal tratto e dalla storia. Non avevo letto niente di Sakamoto (né "Masurao" né "The climber") e questo "Innocent" è stata una piacevolissima sorpresa. Quasi quasi recupero "The Climber"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di "The Climber" ho letto solamente i primi 5 volumi, e non mi ha fatto impazzire. Ma in molti mi hanno detto che in seguito migliora tantissimo, quindi non me la sento di escludere un recupero futuro.

      Elimina
  4. "The Climber" non mi ispirava (ma ne ho solo viste le copertine e sfogliato un volumetto in fumetteria...), mentre questo Innocent mi piacerebbe moltissimo poterlo leggere in italiano!!!
    Sperém^^
    Ciao!
    Orlando

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A The Climber ho sempre preferito "Gaku-Vette", ma penso che con calma lo recupererò.

      Elimina
  5. La qualità del disegno è incredibile, concordo!

    RispondiElimina
  6. Disegni sublimi, personaggio intrigante e splendida ambientazione... mi accodo anch'io al coro in preghiera per la sua pubblicazione in Italia! Manga da comprare a occhi chiusi! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, alcune tavole sono a dir poco ipnotiche!

      Elimina
  7. questo manga mi ispira tantissimo, i disegni sono eccezionali. ò.ò
    The climber lo adoro e penso ci siano buona chance di vedere questo manga edito in italia, dopotutto la J-pop ha portato Sakamoto anche a Lucca quindi penso che non solo siano in buoni rapporti ma puntino anche abbastanza sull'autore. Sono fiducioso! Poi la storia mi intriga tantissimo e il periodo storico è uno dei miei preferiti quindi.. lo voglio! °O° Non conoscevo comunque l'esistenza di questo manga, quindi grazie per avermelo fatto conoscere!

    RispondiElimina
  8. Che meravigliosa segnalazione!
    Non pensavo fosse già uscito un volume, corro a sfogliare.

    Riguardo The Climber: soffre di un disastrato inizio a causa delle sceneggiature di Yoshio Nabeta e Hiroshi Takano, che tentarono di dare alla serie un tono molto shonen e poco introspettivo.
    Al 5° numero la serie comincia ad ingranare (con l'affidamento della sceneggiatura al solo Sakamoto), oltre il 6° la trama si solleva del tutto e diviene uno dei migliori manga che io abbia mai letto in vita mia.
    Acquista un tono decisamente più maturo e serio, e la narrazione s'impreziosisce qualitativamente a livelli inauditi.
    Io gli darei una seconda opportunità; se ti interessa una (mia) recensione di questa serie puoi leggerla qui :-)
    http://www.animeclick.it/news/34044-the-climber-di-shinichi-sakamoto-recensione

    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il link. Non adesso, ma in futuro gli darò sicuramente una seconda possibilità!

      Elimina
  9. Ottima recensione, ho scoperto un manga che potrebbe interessarmi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo volume è interessante. Poi, vedremo come si evolve!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...